lunedì 7 luglio 2014

L’asino Pimpon sotto sequestro per essere curato

L’asino Pimpon
L’asino Pimpon

La Spezia - Lo avevano fermato a Riccò del Golfo: il suo asino aveva profonde ferite, per il peso del carico. Il viandante francese Alain, il proprietario, non gli aveva dato però nemmeno il tempo di far rimarginare le piaghe, quelle che gli aveva provocato caricandolo con tutti i suoi bagagli. Gli aveva rimesso addosso le borse, la tenda, i sacchi con le pentole, ed era ripartito, dritto verso Roma, a piedi, sulle strade carrozzabili.

La segnalazione dell’ufficio tutela animali della Spezia, è stata però raccolta dal ministero della sanità, che ha aperto un fascicolo a Roma. E alla tappa successiva, l’asinello è stato fermato nuovamente, questa volta a Forte dei Marmi: e posto sotto sequestro, per essere curato. Non ha inteso modificare i suoi comportamenti, Alain, il 67enne viandante francese che vive in strada facendo pellegrinaggi. Per lui, va bene così: l’asino è un asino. E a colpo d’occhio, la gente credeva davvero che il suo Pimpon stesse bene.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento