Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Cosa significano tutti questi lupi uccisi e appesi

È stato un ottobre letteralmente di sangue per il lupo appenninico. Ben cinque esemplari sono stati ritrovati morti ed “esposti” in luoghi pubblici di diverse regioni d’Italia, un messaggio povero di contenuti ma tragicamente chiaro: la convivenza lupo-uomo non sta funzionando.
Due lupi uccisi e impiccati nel senese a inizio ottobre, un lupo decapitato ritrovato qualche giorno dopo a Pergola (Pesaro e Urbino), uno ucciso ed esposto a Rocca Priora, per arrivare all’episodio di Coriano, in cui un lupo è stato ucciso e appeso alla fermata dell’autobus.

Una vera e propria escalation di delitti, causati senza dubbio dalla bassezza di chi se ne è reso responsabile, ma che ci ricordano quanto siamo ancora lontani da una cultura ambientale accettabile.

Rabbia e indignazione sono d’obbligo, ma sono ormai anni che la situazione è statica ed evidentemente le condanne unilaterali, le indagini, le ricompense offerte a chi fornisce informazioni sui bracconieri, non bastano.

Quella di …

Ultimi post

«Un cane abbandonato sul terrazzo di casa»: la denuncia nei gruppi della Valbisagno su Facebook. Ecco come stanno le cose

Chivasso, l'autopsia all'addestratore scagiona "Sid": non è stato il cane dell'amico a ucciderlo

Trofei da caccia all'elefante, Trump sconfessa Obama: sì all'import

Russia, il gatto è intrepido: spaventa il cucciolo d'orso che fugge sull'albero

Pronto Soccorso Animali TV

Usa, cacciatore pubblica la foto con il corpo del leopardo delle nevi: petizione per incriminarlo

Regione Piemonte sospende la caccia, hanno vinto gli animalisti

“I cacciatori violano la legge portando cibo ai cinghiali”

Vergogna: in Valsusa, Valle Orco e Valchiusella decine di cacciatori sparano alla selvaggina in fuga

Cane precipita in un pozzo: salvato dai Vigili del Fuoco