sabato 27 settembre 2014

Dopo quattro anni alla catena, il cane Joseph ha trovato casa

La sua immagine con il collo magro e martoriato è diventata un’icona sul web


«Justice for Joseph». Basta cercare queste tre parole sul web per capire quanto la storia di Joseph sia diventata un simbolo della sofferenza e indifferenza che l’uomo può infliggere a un animale. Giustizia non è mai stata veramente fatta perché quell’uomo è stato multato di soli 25 dollari (neanche 20 euro), ma ora Joseph ha trovato una famiglia.

Sul web il suo incubo è diventato noto nel settembre 2013. Lui era un giovane pastore tedesco che, in condizioni normali, si sarebbe mostrato in tutta la sua bellezza. Ma il destino l’ha portato in casa di un uomo senza cuore. Per quattro lunghi anni Jeremy Shane Temple l’ha tenuto alla catena a Middletown, in Ohio. Il suo spazio di vita non andava oltre quei pochi metri dall’albero a cui era legato. Viveva senza una cuccia dove ripararsi, riceveva cibo e acqua solo qualche volta a settimana. Quando i volontari dell’associazione Paws (People helping animals) hanno ricevuto la segnalazione di un cane maltrattato, si sono trovati di fronte un cane che ricordava vagamente un pastore tedesco: Joseph era un animale stanco e rassegnato, in condizioni fisiche e psicologiche al limite della sopravvivenza. 

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento