10 motivi per cui l’abbattimento dei lupi é inutile e dannoso

“I lupi sono diventati troppi, aggrediscono il bestiame, generano un danno economico e possono rappresentare un pericolo. Se non interveniamo gli allevatori si faranno giustizia da soli. Gli abbattimenti selettivi sarebbero a tutela dei lupi stessi”.
Cosí grazie al Ministro Galletti, commercialista, e ai noti consulenti interessati piú a fama e guadagni che alla conservazione della specie, dopo quasi 50 anni di tutela i lupi italiani rischiano di essere di nuovo (legalmente) perseguitati. Ma gli abbattimenti selettivi sarebbero inutili per gli allevatori, dannosi per la specie e l’agricoltura e, soprattutto, pericolosi per i già malati ecosistemi italiani. 

Perché l’abbattimento non serve

1) il sistema di prevenzione e risarcimento italiano è metodologicamente sbagliata, largamente inapplicato e, soprattutto, lento
Gli allevatori italiani piú che di attacchi da parte dei lupi soffrono di un sistema di prevenzione e risarcimento sbagliato nell’impostazione, largamente inapplicato e, soprattutto, lento. Per scongiurare la quasi totalità degli attacchi dei lupi nei confronti del bestiame infatti basterebbero il connubio di tre cose: cani maremmani, che rappresentano il principale deterrente per i lupi, recinti elettrificati, che impediscono l’accesso ai lupi senza rappresentare un pericolo per gli animali, stazionamento notturno in stalla. Tutte strategie definite nel Piano di Azione per il Lupo, elaborato dal Ministero dell’Ambiente stesso ma rimaste largamente inapplicate e, diciamocelo subito, tutte cose costose per realizzare le quali lo Stato dovrebbe investire un bel po’ di quattrini. Anche il sistema di risarcimento dovrebbe essere migliorato. Attualmente i capi di bestiame persi in seguito ad attacchi di lupi vengono risarciti in moneta con tempi lunghissimi, così molti allevatori “fanno prima” a togliere di mezzo l’aggressore. Servirebbe quindi in primo luogo accelerare i rimborsi e, in secondo luogo, modificare il tipo di risarcimento.
Continua qui
 

Commenti

Post più popolari