mercoledì 18 marzo 2015

IL GOVERNO CONFERMA: VIA LIBERA ALL'ASSORBIMENTO DEL CFS

Linea dura del premier e del ministro Madia 

Che il Corpo forestale fosse a rischio, era noto fin dall'approvazione in Consiglio dei ministri del disegno di legge "Riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche" (altrimenti noto come "decreto Madia"). Ma nelle ultime 48 ore tanto il premier Renzi quanto il ministro competente – Marianna Madia, appunto – hanno confermato i peggiori timori. "Bisogna andare verso una sempre maggiore integrazione, difficile che dopo l'approvazione della riforma della Pa le forze di polizia siano ancora cinque", aveva sentenziato il presidente del Consiglio parlando alla Scuola superiore di polizia. Ieri il ministro ha confermato la "riorganizzazione" del CfS e il suo "assorbimento" da parte della Polizia di Stato, a margine della riunione della Commissione Affari costituzionali del Senato durante la quale è stato approvato un emendamento del relatore Pagliari. Tra i criteri di delega sono annoverati "razionalizzazione e potenziamento dell'efficacia delle funzioni di polizia anche in funzione di una migliore cooperazione sul territorio al fine di evitare sovrapposizioni di competenze e di favorire la gestione associata dei servizi strumentali; riordino delle funzioni di polizia di tutela dell'ambiente, del territorio e del mare e nel campo della sicurezza e dei controlli nel settore agroalimentare conseguente alla riorganizzazione del Corpo forestale dello Stato, ed eventuale assorbimento del medesimo nelle altre Forze di polizia, ferma restando la garanzia degli attuali livelli di presidio dell'ambiente, del territorio e del mare, della sicurezza agroalimentare e la salvaguardia delle professionalità esistenti, delle specialità e dell'unitarietà; riordino dei corpi di polizia provinciale, in linea con la definizione dell'assetto delle funzioni di cui alla legge 7 aprile 2014, n. 56, escludendo in ogni caso la confluenza presso le forze di polizia".
Al di là delle assicurazioni, e dei buoni propositi, è lecito dubitare che da tutto ciò esca rafforzata la tutela dell'ambiente e degli ecosistemi.

Nessun commento:

Posta un commento