mercoledì 14 dicembre 2016

La marmotta Cesira confusa dalle stagioni

In Valle d’Aosta: fa caldo, lei esce dal letargo

Cesira ha lasciato la sua tana a quasi 1700 metri di altitudine

AOSTA
Esce dalla tana su una misera chiazza di neve nel giorno del referendum, poi sparisce. E riemerge dal cunicolo scavato nella terra, a ridosso d’un muro in pietra qualche giorno dopo. Fine del letargo per una marmotta del Parco nazionale del Gran Paradiso. Il caldo anomalo l’ha risvegliata. Vive a quasi 1700 metri di altitudine a Valsavarenche, frazione Eau Rousse. Il termometro a dicembre ha avuto oscillazioni improvvise, anche fino a 12 gradi positivi. E l’istinto della marmotta è andato in confusione, il suo termometro climatico si è inceppato. «Vedremo se è così - dice Bruno Bassano, veterinario del Parco -. Se è un caso isolato, potrebbe trattarsi di una lite in famiglia. Potrebbe cioè essere stata cacciata, la competizione familiare è molto forte tra le marmotte». 

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento