lunedì 19 gennaio 2015

Noè e le sue battaglie contro la cattiva sorte

Mai arrendersi, almeno finchè i loro occhi sono colmi di vita

 

Passeggiavamo con Luna, la cagnolina che faceva già parte della famiglia, avvolti da malinconia e ricordi (avevamo pochi giorni prima salutato per sempre il “fratellino” di Luna...) Camminando non lontano dalla discarica comunale, ci attirò la presenza di una scatola di cartone, di quelle per i traslochi. “I soliti incivili che abbandonano rifiuti!” , fu il primo pensiero. No, non erano rifiuti. E sì, solo un incivile immondo poteva aver fatto quello. Nella scatola bucherellata a mo’ di prese d’aria (gesto magnanimo di un essere ignobile?!) c’era un soggetto peloso, uggiolante e decisamente vivace. Non doveva essere rimasto lì a lungo, per fortuna. Tra incredulità e incertezza sul da farsi, io, mia madre, Luna e l’allegro figuro tornammo velocemente a casa. Bastò un rapido giro di sguardi tra i componenti della famiglia per decidere senza remore che sarebbe rimasto con noi. In poche ore era stato trovato, si era accasato e aveva anche il nome di Battesimo: Noè.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento