In Russia, dove uomini e tigri convivono oltre il bracconaggio

Il 57% degli attacchi su persone è opera di tigri ferite da arma da fuoco o trappole


Ridurre i conflitti tra uomini e predatori si può ma il livello dei conflitti si alza a fronte di un incremento di attività di bracconaggio. A sottolinenearlo è il Wwf che ha diffuso oggi i dati del Report «The way of the Tiger», il primo bilancio completo della situazione della tigre dell’Amur, delle misure intraprese e dei risultati di conservazione, così come le strategie per risolvere i conflitti uomo-tigre. Il report prende in esame un programma congiunto di conservazione della tigre attuato dal governo russo e dal Wwf, nella regione dell’Amur nell’Estremo Oriente russo, dove la popolazione di tigri è aumentata. 

Continua qui

Commenti

Post più popolari