lunedì 31 ottobre 2016

Baciare i gatti uccide, lo dice la scienza

La scienza si schiera a sfavore dei baci ai gatti. Secondo alcuni scienziati baciare i gatti potrebbe anche uccidere 

Gli studi condotti dagli studiosi inglesi e americani, e riportati sulla rivista Emerging Infectious Diseases sostengono che coccolare il gatto e baciarlo non sia affatto una buona cosa, anzi è molto pericoloso.
Gli studi sostengono che la “malattia del graffio” non si diffonde solamente tramite graffio o morso ma anche quando la pelliccia dell’animale si trovi a contatto con la bocca degli esseri umani.
Sembra che la pelliccia dei cucciolotti, i gattini che ancora non hanno superato il sesto mese di vita, sia quella più pericolosa.
Il responsabile di questo particolare tipo di malattia è un batterio di nome “ Bartonella henselae” che è presente nelle pulci dei gatti.
Questo batterio è causa di svariate infezioni e può provocare batteriemia, endocardite, angiomatosi bacillare e peliosi epatica.

Manifestazioni e pericoli

Sembra che una volta passato il batterio sulla pelle dell’uomo, nella parte contagiata, si formi una pustola e che questa generi febbre alta.
La diagnosi generalmente viene effettuata tramite emocoltura.
La prognosi prevede una guarigione in circa 4 mesi.
E’ vero però che se questo tipo di malattia generalmente scompare in un tempo medio lungo, è anche vero che, a volte, i sintomi, possono essere anche letali. In soggetti con un sistema immunitario basso, e nei bambini, la malattia può trasformarsi letale per il cervello e per il cuore provocando danni irreversibili e a volte anche la morte.

Continua qui

Nessun commento:

Posta un commento