Usa, cacciatore pubblica la foto con il corpo del leopardo delle nevi: petizione per incriminarlo



di Federica Macagnone

L'espressione felice e il sorriso a 32 denti di chi è convinto di aver portato a termine chissà quale impresa ed esibisce, portandola sulla spalle, la sua ultima preda, un leopardo delle nevi colpito a morte: con questa foto sfoggiata sul web Hossein "Soudy" Golabchi, pluripremiato cacciatore statunitense di origini iraniane, è riuscito a far imbufalire gli animalisti di mezzo mondo che, decisi a portarlo davanti a un tribunale, hanno avviato una petizione contro di lui, già firmata da oltre 114mila persone.

L'immagine che lo ritrae è stata scattata nell'Asia centrale nel 2008, quando il leopardo delle nevi era inserito nella "red list" della Iucn degli esemplari in pericolo: l'anno scorso è stato riclassificato come "vulnerabile", il che significa che restano meno di 10mila esemplari nel mondo. La raccolta di firme, invece, è stata lanciata in questi giorni, in occasione dell’International Snow Leopard Day, su Care 2 da Tera International (Tiger Exotic Animal Ranger Awareness), organizzazione per la protezione degli animali in pericolo, convinta che non sia troppo tardi per perseguire Golabchi per aver ucciso l'animale in un momento in cui era ancora classificato come minacciato: «Non esistono leggi - dicono - che pongano limiti temporali sui crimini internazionali contro la fauna selvatica».

Continua qui

Commenti

Post più popolari