Quel milione di cinghiali che sta conquistando l’Italia

Il Wwf: serve una banca dati. Gli agricoltori: bisogna abbatterli


Per la caccia, negli Anni 60 furono introdotti in Italia esemplari dai Carpazi: più resistenti e più prolifici dei nostri

Non si riesce a contarli, potrebbero essere seicentomila o un milione. Sono i cinghiali (Sus scrofa) che popolano i boschi e da qualche anno anche le zone rurali, avvicinandosi sempre di più alle città e alle case. «Un censimento è difficile. Qui nelle Marche sono circa trentamila, se facciamo una media per tutte le regioni d’Italia il conto è fatto. Pericolosi? Se sono femmine con i cuccioli sì, altrimenti, come tutti gli animali selvatici, alla vista dell’uomo fuggono». Franco Ferroni è responsabile Wwf del settore agricoltura e biodiveristà. «Non esiste - dice - una banca dati dei danni procurati dai cinghiali e manca un coordinamento generale: ogni regione fa da sè».

Continua qui


Commenti

Post più popolari