lunedì 23 novembre 2015

Riscaldamento globale, spariranno un terzo orsi bianchi

Allarme Iucn, clima sfida senza precedenti, accordo forte a Parigi

di Laura Giannoni

 
Il cambiamento climatico è un'arma puntata contro l'orso bianco. Nel giro dei prossimi 35-40 anni un terzo dei 26mila esemplari che oggi resistono nell'Artico sparirà per effetto del surriscaldamento del Pianeta, che ai Poli raggiunge i livelli più elevati. L'allarme arriva dall'Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn), secondo cui la perdita di ghiaccio dovuta all'aumento delle temperature rappresenta la prima minaccia alla sopravvivenza della specie. Per gli orsi polari il ghiaccio marino è la piattaforma ideale di caccia, da cui catturano le foche quando emergono dal mare per respirare. Un'abitudine che nei mesi caldi consente di fare scorte di grassi per affrontare l'inverno. Nell'Artico, tuttavia, la perdita di ghiaccio marino prosegue senza sosta. L'estensione del ghiaccio nel mese di settembre, sottolinea lo Iucn nella sua nuova valutazione, è diminuita al ritmo del 14% ogni decennio tra il 1979 e il 2011. Entro la fine di questo secolo si prevede che ampie porzioni dell'arcipelago artico canadese saranno libere dai ghiacci per oltre 5 mesi all'anno, mentre in altre parti dell'estremo Nord della Terrà ciò potrebbe verificarsi già a partire dal 2050. Anno in cui, prevedono gli esperti, la popolazione di orsi si sarà ridotta di oltre il 30%.

 

Continua qui

Morto raro rinoceronte bianco, ne restano solo tre

 

Nessun commento:

Posta un commento